Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» freekick.org
Dom 07 Giu 2009, 11:53 Da andr

» GRANDE CALCIO A BUCCINASCO
Dom 10 Mag 2009, 13:37 Da marco de sfroos

» romanzo a 4 mani bis
Mer 29 Apr 2009, 17:25 Da marco de sfroos

» IMPARO, IMPARO, IMPARO, IMPARO, IMPARO!
Mar 28 Apr 2009, 21:33 Da marco de sfroos

» L'argentino
Mar 28 Apr 2009, 21:31 Da marco de sfroos

» cosa sto leggendo
Lun 27 Apr 2009, 23:01 Da dani

» This is not a test. This is reality
Sab 28 Mar 2009, 18:24 Da andr

» In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti
Dom 18 Gen 2009, 14:29 Da andr

» L'esilarante topic dei geni
Mar 13 Gen 2009, 20:07 Da andr

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

UN GOVERNO SENZA ALIBI

Andare in basso

UN GOVERNO SENZA ALIBI

Messaggio  simovedder il Gio 17 Apr 2008, 10:20

L'Italia ha scelto: per i prossimi 5 anni il destra-centro governerà il nostro Paese. Una vittoria netta, schiacciante, a tratti irriverente per l'ironia con cui si è realizzata. Terminata finalmente la sterile quanto inutile polemica sul "voto utile" (l'unico voto inutile a parer mio è quello non dato), la Sinistra più estrema è scomparsa, anche nelle città più "rosse", la Lega prende voti su voti dove fino a ieri non si sapeva nemmeno chi fosse Calderoli. Il PD nasce da 6 mesi ed è il primo partito in Italia, la Lega al terzo scalza l'UDC, che comunque i suoi 5 seggi tra Camera e Senato li prende. Qui sta l'ironia: anche in Sicilia e in Calabria si è votato Lega, il partito che nacque per eliminare i "terroni" ora prende voti dai terroni stessi. Siamo al paradosso. Ora abbiamo una situazione che metterà a serio rischio la democrazia nel Paese. E non mi riferisco banalmente a Berlusconi. Siamo infatti in una situazione di serio monopolarismo, questa volta il "porcellum" ha funzionato, ha ottenuto il suo scopo primario: eliminare la sinistra massimalista per ottenere il più largo consenso della storia dopo il periodo della DC. Qui abbiamo la contraddizione più evidente della legge elettorale targata Calderoli. Se è un caso che l'abbia sviluppata proprio un leghista, è però un dato di fatto che questo sistema abbia creato una situazione di stabilità governativa ai limiti della perfezione. 100 seggi di distacco al Senato permetteranno al governo di poter legiferare in libertà. A questo punto resta una pesante riflessione: questo risultato nessuno se lo aspettava, ci si attendeva una affermazione del PDL, ma non certo in questi termini. La riflessione che propongo è questa: per i prossimi 5 anni il PDL avrà piena libertà di legiferare per ristabilizzare l'Italia. E sarà costretto a farlo: questa volta Casini e Follini non ci sono, l'UDC in parlamento non conta più nulla. Se il governo vorrà davvero fara qualcosa per l'Italia e non per Italia Uno, lo vedremo anche nei primi 100 giorni. Non c'è opposizione che faccia ostruzionismo, via l'ICI e il bollo auto, pensioni e salari adeguati, l'Italia che riparte economicamente e che si stabilisce ai primi posti nella UE, pressione fiscale diminuita ed extragettito raddoppiato, PIL a manetta e rispetto della legalità. regolarizzazione degli immigrati clandestini e massima integrazione per i lavoratori regolari, città più pulite e a misura d'uomo, un freno alla cementificazione incontrollata e certezza della pena per tutti. Se tutto ciò avverrà, tutti in piedi e giù il cappello, in caso contrario avremo ciò che nessuno si augura:

UN GOVERNO SENZA ALIBI.

_________________
I have wished for so long, how I wished for you today...

iL cELLulARe cE l'Ho gIà sPeNTo oRA cHe PeR Me Tu SEi tROPpo SbATtiMenTo...
avatar
simovedder
Moderatore
Moderatore

Maschio
Numero di messaggi : 202
Età : 34
Località : paese dei balocchi
Data d'iscrizione : 01.03.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: UN GOVERNO SENZA ALIBI

Messaggio  Titti il Gio 17 Apr 2008, 10:46

Mail letta questa mattina:

ELENCO PARLAMENTARI CONDANNATI IN VIA DEFINITIVA

Massimo Maria Berruti (deputato FI):
8 mesi definitivi per favoreggiamento nel processo tangenti Guardia di Finanza.

Alfredo Biondi (deputato FI):
2 mesi patteggiati per evasione fiscale a Genova.
La sentenza di condanna a suo tempo resa dal tribunale di Genova nei confronti di Alfredo Biondi è stata revocata in data
28 settembre 2001 per intervenuta abrograzione del reato.

Vito Bonsignore (eurodeputato Udc):
2 anni definitivi per tentata corruzione appalto ospedale Asti.

Umberto Bossi (eurodeputato e segretario Lega Nord):
8 mesi definitivi per tangente Enimont.

Giampiero Cantoni (senatore FI):
Come ex presidente della Bnl in quota Psi, inquisito e arrestato per corruzione, bancarotta
fraudolenta e altri reati, ha patteggiato pene per circa 2 anni e risarcito 800 milioni.

Enzo Carra (deputato Margherita):
1 anno e 4 mesi definitivi per false dichiarazioni al pm su tangente Enimont.

Paolo Cirino Pomicino (eurodeputato Udeur):
1 anno e 8 mesi definitivi per finanziamento illecito tangente Enimont, 2 mesi patteggiati per
corruzione per fondi neri Eni.

Marcello Dell´Utri (senatore FI e membro del Consiglio d´Europa):
condannato definitivamente a 2 anni per frode fiscale e false fatturazioni a Torino (false fatture
Publitalia); ha patteggiato 6 mesi a Milano per altre vicende di false fatture Publitalia.

Antonio Del Pennino (senatore FI):
2 mesi e 20 giorni patteggiati per finanziamento illecito Enimont; 1 anno 8 mesi e 20 giorni
patteggiati per i finanziamenti illeciti della metropolitana milanese.

Gianni De Michelis (eurodeputato Socialisti Uniti per l'Europa):
1 anno e 6 mesi patteggiati a Milano per corruzione per le tangenti autostradali del Veneto; 6
mesi patteggiati per finanziamento illecito Enimont.

Walter De Rigo (senatore FI):
1 anno e 4 mesi patteggiati per truffa ai danni del ministero del Lavoro e della Cee per 474
milioni di lire in cambio di falsi corsi di qualificazione professionale per la sua azienda.

Gianstefano Frigerio (deputato FI):
condannato a Milano a oltre 6 anni di reclusione definitivi per le tangenti delle discariche (3
anni e 9 mesi, corruzione) e per altri due scandali di Tangentopoli (2 anni e 11 mesi per
concussione, corruzione, ricettazione e finanziamento illecito).

Giorgio Galvagno (deputato FI):
ex sindaco socialista di Asti, nel ´96 ha patteggiato 6 mesi e 26 giorni di carcere per
inquinamento delle falde acquifere, abuso e omissione di atti ufficio, falso ideologico, delitti
colposi contro la salute pubblica (per l´inquinamento delle falde acquifere) e omessa denuncia
dei responsabili della Tangentopoli astigiana nello scandalo della discarica di Vallemanina e
Valleandona (smaltimento fuorilegge di rifiuti tossici e nocivi in cambio di tangenti).


Lino Jannuzzi (senatore FI):
condannato definitivamente a 2 anni e 4 mesi per diffamazioni varie, è stato graziato dal capo
dello Stato proprio mentre stava per finire in carcere.

Giorgio La Malfa (deputato Pri, ministro Politiche comunitarie):
condanna definitiva a 6 mesi e 20 giorni per finanziamento illecito Enimont.

Roberto Maroni (deputato Lega Nord e ministro Lavoro):
condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni per resistenza a pubblico ufficiale durante la
perquisizione della polizia nella sede di via Bellerio a Milano.

Augusto Rollandin (senatore Union Valdôtaine-Ds):
ex presidente della giunta regionale Valle d´Aosta è stato condannato in via definitiva dalla
Cassazione nel ´94 a 16 mesi di reclusione, 2 milioni di multa e risarcimento dei danni alla
Regione per abuso d´ufficio: favorí una ditta "amica" nell´appalto per la costruzione del
compattatore di rifiuti di Brissogne. Dichiarato decaduto dalla Corte d´appello di Torino, in
quanto "ineleggibile", nel 2001 si candida al senato con l´Union Valdotaine, i Ds e i
Democratici.

Vittorio Sgarbi (deputato FI):
6 mesi definitivi per truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, cioè del ministero dei
Beni culturali.

Rocco Salini (gruppo misto)
condannato in Cassazione a un anno e 4 mesi per falso ideologico.

Calogero Sodano (senatore Udc):
già sindaco di Agrigento, condannato definitivamente a 1 anno e 6 mesi per abuso d´ufficio
finalizzato a favorire i costruttori abusivi in cambio di favori elettorali.

Egidio Sterpa (deputato FI):
condannato a 6 mesi definitivi per tangente Enimont.

Antonio Tomassini (senatore FI):
Medico chirurgo, condannato in via definitiva dalla Cassazione a 3 anni per falso.

Vincenzo Visco (deputato Ds):
Condannato definitivamente dalla Cassazione nel 2001 per abusivismo edilizio, per via di alcuni
ampliamenti illeciti nella sua casa a Pantelleria: 10 giorni di arresto e 20 milioni di ammenda.
Piú l´"ordine di riduzione in pristino dei luoghi". Cioè la demolizione delle opere abusive.

Alfredo Vito (deputato FI):
2 anni patteggiati e 5 miliardi restituiti per 22 episodi di corruzione a Napoli.

E non credo siano tutti...ma VA BEHHHHHHHHHHH!!!!
avatar
Titti
almost nerd
almost nerd

Femmina
Numero di messaggi : 82
Età : 34
Località : Isola che non c'è
Data d'iscrizione : 26.03.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum